Paola Grosso

La pittura di Paola Grosso, caratterizzata da tonalità coloristiche sicuramente rutilanti, è una sintesi di onirica razionalità e meditato lirismo che si esprime spesso con soggetti e paesaggi dove l’acqua è protagonista indiscussa o, quantomeno, componente logico-decorativa.

L’autrice dal temperamento poliedrico, ipercinetico e decisamente connotato da propensione al viaggio in ogni sua accezione, sovente ricorre alle essenzialità formali delle strutture plastiche o con campiture fantasiose che ricreano la suggestione della profondità atmosferica, o con tratti decisi in spazi indefinibili. Innamorata del segno alterna periodi dove la prevalenza è assegnata alla simbologia con altri in cui predominano i segnali di una sensibilità sbrigliatissima e con altri ancora nei quali ancora nei quali la realtà del significante, pur originata da non intenzionalità, è tale da richiamare, con la sua forma, contenuti imprescindibili; il tutto racchiuso in preziosi scrigni di variegata tecnica compositiva.

Nel tessuto pittorico di Paola Grosso, dunque, le sottolineature e la vivacità mai doma dell’espressione del colore raggiungono valori di ambientazione luministica di notevole significato creativo, grazie anche al lavoro di sistematica ricerca di risposte che la Nostra dedica alle domande che il suo vulcanico mondo interiore da sempre le propone.

Questo slideshow richiede JavaScript.